Fotografia di Vittoria Poletti
Fotografia di Vittoria Poletti

Lettera 11 è un progetto in continua evoluzione nato da un’idea che porto con me da diversi anni, maturata lentamente a piccoli passi durante la mia lunga esperienza nel campo educativo.

 

L'undicesima lettera dell'alfabeto italiano corrisponde alla "M":

 

"M" come Maestra, il lavoro che ho scelto per me e che ho avuto la possibilità di fare negli ultimi quarant'anni: prima che un lavoro una vera passione che mi ha dato la possibilità di entrare in contatto con tante realtà diverse, fatte soprattutto da persone.

 

"M" come Mamma, una parola semplice ma ricca di significato, che corrisponde a come mi sento nel privato: una donna che ha avuto la fortuna di poter trasmettere la vita e che anche oggi ha la possibilità di generare in senso più ampio, di creare dal nulla, mettendo in moto delle energie positive e creative a servizio di se stessa e degli altri.

Ma una mamma è anche molto di più: un esempio, un riferimento, una guida pronta a tendere la mano e a farsi strada nei sentieri della vita... insomma, una grande reponsabilità!

 

"M" come Motivazione, una vera e propria spinta vitale che è il carburante della vita e motore dell'azione: una parola che sottintende sforzi, costanza, determinazione, ma anche un pizzico di ambizione e di sana curiosità che dà colore alle nostre passioni. La motivazione è ciò che "muove", che "mette in moto" le nostre idee e ci porta a conquistare i nostri obiettivi, un ingrediente importantissimo che non dobbiamo mai dimenticare.

 

"M" come Manualità, che rappresenta il saper fare, la possibilità di intervenire concretamente sulla realtà, rimboccandosi le maniche per tradurre un'idea in qualcosa di reale. La manualità è per me una vera palestra per allenare la creatività, è il mettere le mani in pasta per creare qualcosa di unico e personale, qualcosa che, proprio per questo, ha un valore aggiunto perchè imperfetto e irripetibile. 

 

"M" come Maurizio, mio grande amore e compagno di una vita. 

Un uomo, un marito, un padre eccezionale che in questi lunghi anni - non sempre facili - ha sempre trovato la forza e le parole giuste per motivarmi e supportarmi nella mie scelte di vita e che, se ad oggi fosse qui, sarebbe sicuramente fiero di dove ci hanno portato i nostri piccoli passi.

 

Avendo da poco portato a termine - con grande soddisfazione personale! - il mio percorso lavorativo "istituzionale", mi sento ad oggi ancora più motivata ad indagare e studiare questo affascinante campo ed avendo finalmente più tempo per sviluppare queste mie passioni, ho deciso di mettere anche a disposizione di chi “non ne ha” qualche mio punto di vista e riflessione, che spero possano essere di interesse per molti.

 

Rispetto a quando ho iniziato questo lavoro da ragazza molte cose sono cambiate e ad oggi - nel mondo iperconnesso in cui viviamo - anche informarsi è diventato più facile.

Nella speranza di poter creare una vera e propria "rete" di persone, consigli e relazioni, avendo la fortuna di poter contare sull’aiuto digitale dei miei figli, Federico e Vittoria, ho deciso di mettermi online anch'io con un semplice, ma pratico portale a disposizione di chi vorrà seguirmi in quest’avventura... siete pronti a partire con me?

 


Lo scopo dell’educazione è quello di trasformare gli specchi in finestre.

(Sydney J. Harris)